PRETI PEDOFILI Odiare la pedofilia, non il pedofilo.

In “Anno Zero” monsignor Rino Fisichella ha vomitato odio sui preti pedofili, rei di aver lordato l’immagine dell’istituzione. Preti che non hanno ucciso le loro vittime, preti a loro volta abusati da preti e non.

La chiesa, colpevole di ostracismo nei confronti dell’educazione sessuale scolastica, non ha titolo a educare i suoi preti pedofili. Li condanna, ora, ponziopilatescamente.

La pedofilia è una grave immaturità. D’immaturità, sessuale e non, gronda ogni interstizio della chiesa. I gerarchi hanno sfondato perché si sono alienati da sé o nell’apostolato o nello studio o nella carriera. La chiesa in campo sessuale è platonista.

Molti preti, fortunatamente, hanno una compagna. Problema silenziato accuratamente dall’istituzione.

Chi scrive ama e persegue per motivi mistici il celibato.

Sac. Dr. Franco Ratti

Inviata:

al Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano

alla Congregazione per la Dottrina della Fede

alle Agenzie di Stampa

alle Testate giornalistiche

agli intellettuali

a personaggi ecclesiastici e politici

agli Ordini religiosi

a tutte le parrocchie

alla diocesi di Roma

alla diocesi di Milano

alla diocesi di Torino

alla diocesi di Genova

alla diocesi di Bari-Bitonto

alla diocesi di Avellino

alla diocesi di Conversano-Monopoli

alle Comunità di Base

ai siti cattolici, evangelici, ebraici, islamici, gay, verdi

 

Riportata su:

- Il quotidiano “Il Manifesto” del 3 giugno 2007

- Il periodico “Portanuova” -n.76- Luglio 2007

- www.cdbitalia.it

- www.nea-agora.com

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese